COS'É VITAVITA

Il Festival Internazionale d’Arte Vivente VITAVITA è giunto alla sua 14° edizione!
Aiutatemi cari amici civitanovesi a difendere l’orgoglio di questa nostra
primogenitura nel panorama delle cosiddette notti bianche, rosa ecc… VITAVITA
non è una notte bianca qualsiasi, è un progetto creativo/esclusivo che grazie
a questa amministrazione, dopo quella passata, ai Teatri di Civitanova e anche
a voi, è diventato una stupenda realtà che forse qualcuno, ancora oggi, tende ad
imitare. Cosa intendevo e cosa intendo per arte vivente (meglio, arte performativa)?
Innanzitutto qualcosa che assomiglia molto alla Performance Art, ovvero a una
forma artistica dove l’azione di un individuo o di un gruppo, in un luogo particolare
e in un momento particolare, costituiscono l’opera. Può avvenire in qualsiasi luogo
e in qualsiasi momento o per una durata di tempo qualsiasi. Un altro modo per
comprendere il concetto è quello di dire che la Performance Art può essere qualsiasi
situazione che coinvolge quattro elementi base: tempo, spazio, il corpo dell’artista
e la relazione tra artista e pubblico.


Fatta questa introduzione, c’è da dire che VITAVITA si caratterizza per il suo
coraggio e la sua “sfrontatezza”, per la sua volontà e ostinazione di comunicare
a tutto tondo, per la sua creatività, ”freschezza” e infinita varietà delle sue proposte
artistico-culturali, per la loro sovrapposizione in eguali orari, ovvero più eventi
interessanti e stimolanti eseguiti nello stesso momento, in luoghi diversi, ma direi
anche e soprattutto, per la numerosissima partecipazione interattiva del pubblico
che sceglie, condivide o licenzia, in una sorta di zapping televisivo, la performance
nella quale sta interagendo. Lasciatemelo dire fuori dai denti, con una punta
d’orgoglio: dopo anni che giro in lungo e in largo la nostra nazione visitando
più e meno importanti festival di questo genere, non ho mai visto niente
di più vivo, coinvolgente ed attuale del nostro Festival!


Sergio Carlacchiani ideazione e direzione artistica